Feed RSS

I tentativi mondiali di riportarci in “cucina”. O del perché mi preoccupo.

Eh lo so, questo è sempre meno un blog sulla felicità e sempre più una serie di post sulla condizione femminile. Non mollo, ragazzi e ragazze, perché anche avere uno scopo mi dona felicità. E parte del mio scopo è portare il più possibile ai vostri occhi ciò a cui assistiamo ogni giorno: attacchi alla libertà e alla dignità femminile in ogni dove.

Il Messaggero ci dà la bella notizia che in Indonesia il governo di Jember avrebbe proposto di far accedere all’istruzione scolastica solo le ragazze che possono dimostrare di essere vergini. 

Come se l’imene di una donna ne pregiudicasse l’intelletto? Davvero io non riesco a concepire quale dovrebbe essere il fine, se non quello (che ventata di freschezza!) di voler limitare la libertà sessuale femminile. Cosa che non vede l’Indonesia all’avanguardia, eh. Basti pensare che poco tempo fa erano le poliziotte a dover dimostrare di essere illibate.

Mi domando come mai (in realtà non me lo domando, ma concedetemi un po’ di retorica) ai maschi non venga imposto di essere vergini, per continuare a studiare. Quindi, la scusa del voler limitare “prostituzione e rapporti prematrimoniali” non regge.

Siete stronzi e basta.

Fosse finita qui ci andrebbe anche bene. Ma ahimé, no.

Come sapete, in Arabia Saudita, le donne non possono guidare. Salta fuori, da un video pubblicato dall’Huffington Post, tale Saleh Al Saadoon che ci tiene ad informarci come questa legge sia nata per proteggere le donne dallo stupro.

taiga1

Io mi immagino sti uomini che appena vedono una mano femminile sul volante diventano tipo Yeti, tirano fuori quel bargiglio di tacchino che si ritrovano fra le gambe e non possono fare a meno di provare a saltare addosso alla malcapitata guidatrice (per altro senza farcela, perché uomo vs donna forse vince lo scontro fisico, ma uomo vs FORD FIESTA CHE TI STIRA voglio proprio vedé).

Ergo: la suddetta cretinata sta facendo il giro del mondo. Il bello è che il belinone ammette che, dovendosi sempre far accompagnare da signori maschi, le donne subiscano il rischio di molestia anche in quei frangenti e la soluzione qual è? Mettere alla guida ACCOMPAGNATRICI OCCIDENTALI. Tanto se stuprano noi checcifrega.

Ma fai pace col cervello, imbecille!

E vogliamo parlare degli incentivi economici che il governo Turco intenderebbe elargire alle ragazze che decideranno di abbandonare gli studi per stare a casa ad accudire i figli?

Ma-ma-ma-ma io mi devo pizzicare sperando di svegliarmi!!! E questo stato di trogloditi vorrebbe forse entrare in Europa?

A questo punto voi mi direte (un po’ razzisticamente parlando): “Ma daaaaaai zitellona mia, non vedi? Queste sono derive estremiste dell’Islam!”

E io mio malgrado sono costretta a rispondervi: “Un par di palle.”.

Finché in Italia avremo quei  cervelloni di Costanza Miriano & Soci, simili uscite le avremo anche da noi. Basti pensare alla recente proposta della Vestale del Cattobigottismo spinto: tornare alle divisioni delle classi, come ai tempi del Duce. Maschietti da una parte a imparare come si costruiscono i motori, femminucce dall’altra a imparare a ricamare.

Se Dio c’è, mai un fulmine dove dovrebbe eh?

Non vi metto il link perché l’ultima cosa che voglio è portare traffico a una furbetta che fa marketing d’accatto sulle spalle delle donne, traditrice che non è altro.

Questo tanto per aggiornarvi sugli ultimi tre giorni, tanto per dire che la mia pernacchia verso chi dice che “non c’è bisogno di femminismo!” è sempre più lunga e sonora.

»

  1. C’è un fortissimo bisogno di femminismo. Ovunque. Chi dice il contrario è in cattiva fede.

    Rispondi
  2. È la prima volta che leggo un tuo post e sono d’accordo su tutto.
    E sono anche molto preoccupata per la regressione in atto.

    Rispondi
  3. “A questo punto voi mi direte (un po’ razzisticamente parlando): “Ma daaaaaai zitellona mia, non vedi? Queste sono derive estremiste dell’Islam!”

    E io mio malgrado sono costretta a rispondervi: “Un par di palle.”.

    Finché in Italia avremo quei cervelloni di Costanza Miriano & Soci, simili uscite le avremo anche da noi. Basti pensare alla recente proposta della Vestale del Cattobigottismo spinto: tornare alle divisioni delle classi, come ai tempi del Duce. Maschietti da una parte a imparare come si costruiscono i motori, femminucce dall’altra a imparare a ricamare.”

    Grazie.
    C’è bisogno di femminisimo. C’è bisogno di umanità.
    E di pensiero critico.
    Grazie.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: