Feed RSS

Kapo

Utilizzo apposta una figura retorica e lo dico subito per i tendenziosi che leggono solo il titolo e le prime tre righe. Il titolo è un’iperbole che vorrebbe essere una provocazione e né l’Olocausto, né il film omonimo  c’entrano niente.

E’ che a volte, per puro caso, mi imbatto in articoli, link, o foto che possono essere riassunte in “Donne contro il Femminismo.“. Avevo già dato una mia risposta QUI e ritengo che la base sia quella, ma oggi mi sento di andare un po’ oltre l’ironia, per entrare nel campo della COMPASSIONE. (Così poi mi dite che lo Zen mi fa male eheheh).

Compassione. Sì, mi fanno un po’ pena. Quelle che me ne fanno di più sono quelle che si rifanno ad una morale cattolica per dichiarare orgogliosamente che “il marito è il loro capo, così come Cristo è a capo della Chiesa”. E che non c’è bisogno del Femminismo se ami tuo marito perché desideri più di ogni altra cosa servirlo e onorarlo!

Prendiamo il caso di coppie etero.

Ora, non so voi ragazze, ma tra le Femministe che conosco io ci sono moltissime donne sposate e accompagnate felicemente. Non sarà che a queste anti-femministe si debbano spiegare due o tre cosette?

La prima: prendersi cura dell’uomo che sia ama è un fatto naturale (non religioso!), così come il fatto che lui si prenda cura di te. Stare in coppia – ditemi voi se sbaglio – significa proprio questo: trovare una persona che ci tenga abbastanza da affrontare insieme gioie e dolori, sostenendosi e aiutandosi a vicenda. Ma quando in un rapporto non c’è parità, dov’è l’amore? Se ti senti nata per gli unici scopi di stirargli le camicie e spazzargli il pavimento non facevi prima a fare la colf? E ora, vi svelo una verità forse finora per voi inconoscibile: anche le femministe sbrigano le faccende domestiche. Talvolta, pensate un po’, anche con cura. La differenza è che non si sentono nate per questo. Vorrei sapere perché e a che scopo si debba usare la parola “sottomissione”. Perché far decidere il nostro valore ad uomo? E costui dovrebbe farlo in base a cosa? Se il colletto è sufficientemente inamidato?

Minestra cotta al punto giusto, 5 punti a Grifondoro? Ma per piacere.

L’idea della sottomissione nel matrimonio a me pare molto subdola e distante dal vero concetto di amore. Mi spiego meglio: ciò che sottosta a questa “schiavitù felice” è un’aspirazione al dominio passivo. Avete presente lo stereotipo anni 50 della moglie del miliardario, che a forza di “sì, caro” si fa comprare il Visone, l’Anello di Brillanti, la Lavatrice…avete presente la parte finale de “La Bisbetica Domata”, quando Catherine ottiene da Petruccio tutto ciò che vuole perché inganna tutti i presenti affermando che “il cielo è rosso”, come vuole il marito?

Furbizia. Niente di più. Tentativo tristissimo di sfruttare una condizione di “debolezza”, non muovendo un dito per cambiarla, ma sguazzandoci dentro e  vantandosene pure. E creando danni.

Per questo mi sono venuti in mente i Kapo. Per quei pochi che non lo sapessero, i Kapo erano prigionieri dei campi nazisti che avevano ricevuto dai gerarchi alcuni piccoli privilegi. In cambio, essi dovevano controllare gli altri prigionieri, fare la spia su eventuali ribellioni, tentare di soffocarne i pensieri più pericolosi per lo status quo. E si rivelavano spesso gli aguzzini più crudeli.

Come dicevo, è solo una provocazione: queste donne non sono crudeli, sono solo ignoranti di che cosa sia il Femminismo. Non credo servano bene né il marito, né la causa dell’antifemminismo in quanto non fanno altro che perpetuare l’idea della “MadonnaVsPuttana” (e loro si ritengono tutte Madonne, chiaramente, poi succede un caso tipo quello di Alessandra Mussolini e il rospo da buttare giù rischia di soffocarle…), chiudersi all’interno di quattro paroline prestampate del tipo “L’Unica Famiglia è quella naturale” e andare, magari, a manifestare in piazza leggendo il libro della Miriano (che a me sembra, appunto, una furbissima operazione di marketing) senza rendersi conto di essere rimaste un po’ indietro.

Quando affermano che la “Vera Donna” è così o cosa (di solito moglie e madre), quando cinguettano di quanto sia bello servire un uomo, quanto si sentono realizzate solo così, tutto quello che noi possiamo dire è: BUON PER VOI. Ma non potete pensare che sia così per tutte.

Il bello è che è il Femminismo che vi dà l’opportunità di esprimervi come meglio credete. Il Femminismo, mi spiace se è una brutta notizia, abbraccia anche le donne che credono di non esserlo. Ognuna ha il diritto di essere anche scema. Perché no?😛

Contente voi…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: