Feed RSS

X Men: Giorni di un futuro passato, di Bryan Singer

Se c’è un’idea che mi affascina nell’universo Marvel, ebbene è quella che riguarda gli X Men.

Mi piace l’idea della mutazione, come qualcosa di “possibile”. Mi piace la diversità di questo gene, che porta a personaggi particolarissimi e a super poteri non sempre prevedibili.

E mi piace il fatto che, grazie anche al numero dei mutanti e alle loro interazioni, i percorsi di trama possano essere potenzialmente infiniti.

L’altro lato della medaglia è che da tutta questa abbondanza possa scaturire una certa confusione. E per non farci mancare nulla il regista Bryan Singer ha pensato bene di mettere anche i “doppioni”!

(Contando le versioni giovane e vecchio, infatti, abbiamo DUE Magneto, DUE professor Xavier…)

 

E vabbe’.

Tempo: prossimo futuro (detta come nella sigla di Kenshiro). La terra è devastata da una guerra dei mutanti (e degli esseri umani che hanno osato aiutarli) contro un nemico imbattibile: le Sentinelle. Si tratta di robottoni che cambiano a seconda del mutante che hanno davanti (quindi diventeranno di fuoco se combattono Bobby Drake/Uomo Ghiaccio ecc.). Tra i pochi sopravvissuti, Xavier ha scoperto che le Sentinelle non sono altro che il frutto di un esperimento cominciato nel 1973, quando Mystica uccide il loro creatore Tyrion Lannister (ci siamo capiti, dai) e si fa catturare nell’impresa. Grazie al suo DNA, che praticamente racchiude il segreto della mutazione, gli scienziati umani sono stati in grado di rendere le sentinelle imbattibili, rendendole mutanti a loro volta. Da lì a perseguitare non solo i mutanti, ma anche gli umani che avevano in potenza il gene per generarne uno il passo è stato breve.

Risultato: sterminio totale di entrambe le razze.

L’unico modo per porre fine a tutto questo – o meglio – cambiare le carte in tavola in modo che tutto questo non sia mai accaduto – sarebbe fermare Mystica. E si dà il caso che il modo ci sia: Kitty Pride può riportare la coscienza di una persona nel passato. Uno normale può affrontare un viaggio temporale di quattro giorni, ma gli X Men ci hanno l’immortale tra le loro fila, ricordate: il mitico Wolverine (che bene o male è sempre un po’ il protagonista) e quindi lo spediscono indietro di cinquant’anni.

Wolvie si sveglia a New York e non ha ancora lo scheletro di Adamantio, il che lo rende abbastanza più sfigato del solito. Compensa la mancanza di metallo con du’ spalle,una schiena e un sedere così definiti che sembrano finti.

Il giovane Xavier, che alla fine di “X-Men – Le Origini” avevamo lasciato a mettere su la Scuola Per Ragazzi Molto Dotati, ha un po’ sbandato. Per riuscire a camminare, sta prendendo una medicina che gli fa funzionare la colonna vertebrale ma gli inibisce la telecinesi.. La scuola è andata a rotoli, a prendersi cura della casa in qualità di scienziato/maggiordomo/tuttofare c’è Bestia (e anche lui prende il siero per controllare un po’ la mutazione). Eggià, Xavier – capello lungo e camicia a fantasia orribile – è quasi fuorigioco e Wolverine ce la deve mettere tutta per dargli una svegliata e convincerlo a liberare Magneto, condannato in una prigione in PVC per aver deviato la pallottola che ha ucciso Kennedy.

Ecco, Michael Fassbender – per le fanciulle – è l’elemento che vale la visione del film. Mammamiachefigo.

 

La parte che riguarda la sua liberazione è anche tra le più divertenti del film, grazie all’introduzione del personaggio di Quicksilver, il mutante che può muoversi alla velocità della luce, che è un personaggio davvero azzeccato nella caratterizzazione e che spero venga tenuto in considerazione per i prossimi film.

 

Comunque, i giovani Magneto e Xavier sono un po’ troppo presi da se stessi e Wolverine ha il suo bel da fare a indirizzarli sulla retta via. Specie perché Magneto non è non sarà mai uno stinco di santo (ma resta figo. Cavoli, se resta figo).

In tutto ciò al centro della narrazione è posta Mystica (interpretata da Jennifer Lawrence) e la sua personale lotta per la liberazione dei mutanti. E’ lei l’ago della bilancia tra futuro e passato e solo grazie ad un suo atto di generosità il futuro apocalittico potrebbe essere cancellato…ma prevarrà il suo odio o il suo amore?

In tutto ciò, questo capitolo degli X-Men è abbastanza godibile, anche se non proprio scoppiettante.

Le due timelines sacrificano un poco la storia ad una certa confusione e soprattutto non è ben chiaro se gli eventi da “Conflitto Finale” in poi sono stati cancellati e che fine abbiano fatto i mutanti di “X-men: le origini” (sì, Magneto dice che sono stati braccati ed uccisi…ma come? Perché?)

Insomma, diciamo che c’è qualche lungaggine di troppo e qualche piccolo elemento confusionario, ma in compenso ci sono molti camei di personaggi dei film passati e il bello dell’Universo Marvel continua con personaggi tutti intrecciati tra loro che tornano ciclicamente.

Gli effetti speciali sono una gran cosa, specie nella scena in cui Magneto ( vi ho mica già detto che è moooolto figo?) trasporta un intero stadio per scaricarlo sulla casa bianca. In tutto ciò, però, spicca ancora sir Ian McKellen, che senza alcun effetto speciale, semplicemente, recita da dio.

Consigliato se e solo se vi piacciono molto i super eroi.

 

PS: Dopo i titoli di coda c’è una scena finale in cui un tizio costruisce le piramidi con la Telecinesi. Qualcuno mi spiegaaaaa?

»

  1. Bello bello, mi è piaciuto un sacco🙂

    Sembra che Pietro sia stato confermato anche per il terzo film in uscita nel 2016… mentre il tipo che costruisce le piramidi è Apocalypse il più antico mutante del mondo.

    Chi, come, cosa, quando sono domande da scordarsi con la Marvel, sembra che accada tutto in contemporanea e quando fa comodo allora si ricordano, se no fanno finta che non sia mai successo😀

    Rispondi
  2. Quello è il simpaticone di Apocalypse, anche se io in sala ho urlato “IMOTHEP!” (ma vabbè, da quando ho visto la Mummia che ero ancora una mocciosa ogni volta che vedo piramidi e un tizio qualunque urlo “IMOTHEP” un po’ random).

    In ogni caso io l’ho visto tre volte, fino alla scena in cui il professore decide di piantarla di drogarsi.
    Tre volte, perché quello scassato del mio cinema, per la prima volta nella mia esperienza (ma da quel che mi dicono non di quella dei miei concittadini) ha deciso di fottere l’impianto audio di una delle sale principali.
    Sempre.
    Nella.
    Stessa.
    Scena.
    La prima volta ci hanno dato un timbro dicendo “tornate quando volete gratis”. La proiezione successiva (noi eravamo andati alle 6 e mezza) delle 21 è stata spostata in un’altra sala alle 22.25, ma per noi era troppo tardi e abbiamo rimandato al giorno dopo. Che era sabato, quindi se venerdì alle 6 e mezza ci sono quattro gatti il sabato alle 19.10 la sala è tipo… gremita? Completamente stipata?
    Arrivati alla scena X inizia di nuovo a crepitare l’audio e io inizio a fare bordello aizzando tutti gli altri spettatori. Per una mezz’oretta – come il giorno prima – cercano di sistemare il casino e ritorna la povera ragazza delle casse a dirci “la proiezione è sospesa, passate alle casse che vi danno un biglietto omaggio”.
    Io inizio a bestemmiare in turco e mi dicono “oh, ma se volete potete passare nella sala a fianco dove stanno facendo il 3D, vi diamo gli occhialini, senza sovrapprezzo ovviamente”.
    E lì ci siamo cuccati di nuovo un’altra metà di film, praticamente lo possiamo recitare.
    La cosa drammatica è che all’uscita, ridendo con l’addetta, questa mi ha detto “beh ma perché non ci siete passati ieri al 3D? Alcuni lo hanno fatto”.
    E DIRLO PRIMA, STRONZI?
    *coff*

    Comunque. Il film a me è piaciuto troppo, mi ha gasato tantissimo. E Magneto è una divinità.
    Sappi che ho passato tre quarti di pellicola a dire “ma Young Magneto è troppo uguale a Fassbender, ma non è lui” (avevo letto male il cast) e solo dopo il dodicimilionesimo “ma è TROPPO uguale a Fassbender” mi sono decisa a controllare Wikipedia. Il moroso sta ancora ridendo😀

    Rispondi
  3. Mi dispiace, dissento. Fassbender sarà anche interessante, ma Wolvie è Wolvie. Più scene con Wolvie mezzo nudo, è Wolvie il motivo per cui andiamo al cinema!
    Io spero solo con tutto il cuore che la smettano di propinarci Mystica da giovane. L’attrice che interpreta Mystica è fantastica, ma quella che fa la versione giovane mi fa pensare a una focaccia con la paresi ogni volta che la inquadrano. Com’era quella con John Wayne? “John Wayne ha solo due espressioni: con e senza cappello”. Ecco, Mystica da giovane ha solo due espressioni: con e senza pelle blu. Seriamente: ma dove l’hanno trovata?
    Mi è dispiaciuto molto che tutti gli altri personaggi abbiano fatto praticamente un cameo di 3 minuti, rimango però fiduciosa che nel prossimo film ci siano di nuovo (già che li hanno fatti risorgere tutti!) e ci sia Apocalypse, che è sempre stata la mia saga preferita! Ho notato due plot-hole, ma vabbé. Un film molto bello, lo consiglio a tutti! ^^
    V

    Rispondi
    • Ah ah, mi fa sorridere perché l’attrice che fa Mystica da giovane è “solo” Jennifer Lawrence. 23 anni e un premio Oscar per “Il lato positivo”. A me piace moltissimo. De gustibus^^.

      Rispondi
      • Ecco chi era! Jennifer Lawrence!!!
        Io la definivo la pagnocchina col broncio😀

      • Britney Spears ha venduto un numero impressionante di dischi e il 90% del pubblico l’adora. Per quanto mi riguarda questo non la rende né brava, né talentuosa, né considero ascoltabili le sue canzoni.
        I Dream Theater (vecchia formazione) hanno venduto senz’altro molti meno dischi di lei, ma vogliamo DAVVERO confrontare il talento?^^’

        Per dire che il fatto che abbia vinto un Oscar non mi fa cambiare opinione di una virgola. Mystica in tutto il film ha una faccia da focaccia con paresi e la mia sospensione dell’incredulità ha avuto molta più difficoltà a credere che Mystica fosse triste/arrabbiata/determinata/pentita/ecc, piuttosto che a vedere uno stadio che vola^^’ Mi ricordava Bella di Toiletiana memoria, che si è fatta 4 film (5, quanti erano?) con la bocca semi aperta, due denti di fuori e l’occhio vitreo. In tutte le scene O.O

    • Anche io adoro Jennifer Lawrence, e al contrario la trovo estremamente espressiva o.o

      Rispondi
  4. Che non ti piaccia non significa che non sia brava. Con buona pace della tua sospensione di incredulità.🙂 Il paragone con la Stewart non mi sembra azzeccato, ma come ti dicevo…son gusti^^. Silvia de “Il Portacipria” la definiva Pagnocchina col broncio”, quindi credo che ad ognuno faccia il suo effetto differente!^^ Eh eh eh.

    Rispondi
  5. devo andarlo a vedere assolutamente.. non ho letto nulla.. perchè non voglio alcuno spoiler!!
    Titty

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: