Feed RSS

Quasi Tenebra (Ovvero i Confratelli Elucidati del Pugnale d’Ebano…ah no, quelli erano altri. Ma tanto ci siamo capiti, no?), di J.R. WARD

A grande richiesta, eccoci qui a recensire il secondo titolo di quel capolavorone ormonale che è la Saga della Confraternita del Pugnale Nero, detta anche I Vampiri di Figonzolandia, del cui primo volume avete un assaggio QUI.

Il protagonista indiscusso di questo secondo tomo è Rhage (rigorosamente con l’acca), che a detta di tutti è il Bonazzo tra i Bonazzi, uno che (cit.!) faceva sembrare Brad Pitt un partecipante a un Reality di Terz’ordine. (ma da dove le vengono ste perle alla Ward? Che invidia.)

Oltre ad essere the King of Beauty, il nostro è anche un assatanato senza pari. E’ talmente allupato che je vanno bene tutte, al punto che anche i Confratelli lo sfottono a tutto spiano.

Laddove un normale confratello si spupazza una ragazza (anzi, come dicono loro una “femmina”) a sera, Rhage se ne fa almeno otto. Alte, basse, magre, grasse…un benefattore della miglior specie, diciamo. E da subito cominciamo a sospettare che ci sia qualcosa sotto, ma il Grande Segreto ci terrà sulle spine almeno fino a pagina…quaranta. Eh sì, non esageriamo con la suspence, o potrebbe togliere attenzione al cuore dell’opera, ovvero i molteplici zompamenti tra i protagonisti.

Nella fattispecie, come personaggio femminile principale, abbiamo Mary Luce.

Ora, Mary Luce ce le ha tutte addosso: innanzi tutto è molto malata, ma nonostante ciò è un medico con il pallino del volontariato. Praticamente è Madre Teresa di Calcutta incrociata con Santa Maria Goretti e l’orsetto Teddy Ruxpin. Come tutte le sante, Mary Luce si auto-disprezza. Il fatto di essere malata e quasi allo stadio terminale passa in secondo piano rispetto a quanto si sente sfigata. Nessun uomo l’ha mai toccata e lei pensa di aver raggiunto la pace dei sensi (togliamoci tutti il cappello davanti a questa vampata di originalità ,mai vista in nessun Harmony. No, no, proprio nessuno. Esticazzi.).

Ed avere come vicina di casa una stratopa di nome Bella non aiuta. (Non fate quella faccia. Non stiamo parlando della Bella di – mio dio – Twilight).

Ora, si dà il caso che Bella sia una vampira civile. Non è certo un pericolo,dato che, come ricorderete, nel vampiriverso della Ward le Creature della Notte sono solo gente molto più figa del normale, che per cibarsi utilizza il/la proprio/a consorte.

Bella e Mary Luce fanno amicizia grazie anche a John Matthews, un ragazzino mingherlino e apparentemente muto. E’ a causa sua che entrambe finiscono nella Tana della Confraternita, dove Mary Luce ha l’occasione di essere “quasi zompata” da Rhage. Dico quasi perché il tutto si consuma al buio e si ferma agli strusciamenti iniziali, soprattutto perché lui è abbastanza stravolto dopo un combattimento. Ma, attenzione, in seguito a questo primo approccio, il nostro Bellone Zannuto resta affascinato da una particolare che Mary Luce non avrebbe mai pensato potesse far colpo: la sua voce.

Quindi, anche se sembra incredibile (ma resta sempre una storia d’amore più credibile di Twilight), Bhonazz…ehm, Rhage si interessa a Santa Mary Goretti che, manco a dirlo, non può che sbavare di fronte a cotanta stupendosità.

GIF di rhageaholic. La stupendosità c’è, ammettiamolo pure.

Devo dire che la trama, che piazzata così sarebbe un po’ esilina, è arricchita dalle avventure dei confratelli contro i Minorati, o Lesser, gli inviati della Neutro Roberts allo sbando, che dopo la batosta presa nel primo libro si sono riorganizzati e vanno in giro vandalizzando e bullizzando i vampirotti civili (tra cui Bella). In generale il pregio del libro è che non si concentra solo su Mary Luce e Rhage, ma presenta un po’ di più gran parte dei personaggi che saranno centrali nella serie. A partire da Bella che flirterà con Zsadist, il Cicatrizzato Bonazzo, ma anche Butch, il poliziotto amico, che fa la corte a Marissa, la soporifera ex moglie di Wrath, già eroe del Primo Capitolo. Inutile che vi riempia la testa di tanti nomi, comunque, quello che vi deve rimanere è:

“Bonazzo Inaudito incontra Sfigata Inaudita e se ne innamora. Lei all’inizio non ci può credere, si fa mille paranoie perché si sente bruttina e per di più è gravemente ammalata e un figo così non lo rimedierebbe nemmeno nei sogni.

Lui, invece, si fa le paranoie perché una maledizione lo costringe a trasformarsi in una bestia simil-tirannosauro se si arrabbia o se non tromba o non si ubriaca abbastanza. Il che è tutto dire sul tipino raccomandabile.”

Insomma, le paranoie durano un’eternità, inframezzate da torride scene di sesso non consumato per dimostrare l’invincibile attrazione tra i due protagonisti (che non concludono, ma si smanazzano a volontà), i trascurabilissimi interventi dei Lesser che cercano di mettere i bastoni tra le ruote agli eroi, alcuni sprazzi di situazioni future che vedono al centro Butch e Marissa, oppure Bella e Zsadist…

Quando poi Mary scopre che Rhage è un vampiro, le paranoie si moltiplicano esponenzialmente. Ma poi lui la conquista col romanticismo:

«Io non sono un uomo, Mary, anche se ci sono parti di me che assomigliano a quelle di un uomo. Ciò che ti ho appena fatto non è niente a paragone di quello che avrei voglia di farti. Voglio infilare la testa tra le tue gambe e leccarti fino a farti gridare il mio nome. Poi voglio montarti come un animale e guardarti negli occhi mentre vengo dentro di te. E dopo voglio possederti in tutti i modi. Voglio prenderti da dietro, scoparti in piedi, contro il muro. Voglio farti sedere in braccio a me perché tu possa cavalcarmi fino a lasciarmi senza fiato

E davanti a uno che ti sviolina così tu che fai? Gli dici di no? Di sicuro è interessato al tuo cu…ore.

Anche Mary fa lo stesso ragionamento e infatti si innamora come una talponetta.

Nel mondo reale lui sarebbe uno stronzo di prima categoria e la smollerebbe dieci secondi dopo l’uso. Ma, hei, qui siamo nella Vampirolandia della Ward. Dove i bononi protagonisti non ti mollano nemmeno se li prendi a calci.

Su 369 pagine, ce ne sono 300 fatte di palpamenti e schermaglie di questo tenore. Capite anche voi che poi non si possono criticare i fidanzati che danno un’occhiata ad un porno.

Come il primo volume, anche questo fa ridere. Ve lo consiglio perché si prende MOLTO MENO SUL SERIO delle 50 Sfumature, perché i protagonisti non sono antipatici e perché si legge in mezz’ora. Ridendo per le esagerazioni.

»

  1. Ohhhhhh, era ora che recensissi il seguito, aspetto da una vita 😛

    Rispondi
  2. divertentissimaaaaa

    Rispondi
  3. Anche questa recensione mi fa skiantare.
    Se la assumessero alla Rizzoli il loro titolo in borsa avrebbe un’impennata!
    p.s. ma il libro è vietato ai minori?
    p.s.2 esistono libri vietati ai minori?
    grazie!

    Rispondi
    • Ah ah ah, grazie Ettore. 😀
      No, il libro non è vietato ai minori, anzi se devo essere sincera nella stragrande maggioranza delle librerie si trova sugli scaffali per Young Adults, vale a dire…con target adolescente.
      Non credo che esistano effettivamente libri vietati ai minori. Se non li sono questi, non so cos’altro potrebbero essere…

      Rispondi
  4. 0.O
    Alla faccia della dichiarazione d’amore ………..

    Rispondi
  5. incantate da tee!!! ;)

    no vabeh…..da scompisciarsi dalle risate!!!! sei fantasticamente incredibile!!!! naturalmente attendiamo cn impazienza le prossime recensioni!!!! 😀 davvero complimenti!!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: