Feed RSS

The Magic, di Rhonda Byrne

E’ già un po’ che avevo in mente di parlare di questo libro, il terzo lavoro di Rhonda Byrne dopo “The Secret” e “The Power” (quest’ultimo l’ho letto, ma non mi sembra aggiunga nulla al primo, sebbene sia un gradevole inno all’amore universale).

The Magic”, (La magia) merita invece una riflessione, secondo me, sia perché ha una diversa struttura, sia perché ha un’applicazione “concreta”. Non mi aggredite per l’utilizzo di questa parola, applicata alla pseudoscienza della programmazione neurolinguistica, cercherò di chiarire meglio cosa intendo per “concreto”.

Il fulcro del libro, ciò che l’autrice vuole trasmettere, è l’immenso valore della gratitudine come fonte di energia positiva. La parola “GRAZIE” è la vera parola magica, capace di appianare tante situazioni, cancellare molti pensieri negativi, modificare in modo vero e proprio la percezione di se stessi e della propria realtà.

“The Magic” parte da un assunto: la maggioranza di noi ha delle grandi fortune che spesso diamo per scontate. Ed è quasi un dovere morale riconoscerle ed esserne grati.

Purtroppo non tutti, nel mondo, hanno la salute, bevono e mangiano tutti i giorni, hanno degli affetti. Eppure chi di noi li ha dimentica quanto tutto questo è prezioso.

La Byrne propone, nel suo libro, una serie di esercizi da svolgere in 28 giorni, su come applicare la gratitudine alla propria giornata. Si tratta per la maggior parte di esercizi volti a far realizzare ad una persona che anche nella vita che sembra più banale o misera, addirittura, ci sono una miriade di fortune. Si parte, infatti, dalle cose più semplici come appunto il poter respirare, il potersi cibare, il nutrire affetti e pian piano ci si rende conto che i motivi di gratitudine si moltiplicano.

Il circolo è virtuoso, predispone la mente all’accettazione grata di ogni più piccolo avvenimento e rende più recettivi verso la positività in generale. Il discorso poi, torna ad essere quello di sempre: più si è grati, quindi disposti alla ricettività, più l’atteggiamento cambierà in meglio. La “magia” promessa è concreta in quanto ad un cambio di umore e ad un atteggiamento mentale positivo si collegano azioni che, forse, in un altro contesto non avremmo mai portato avanti, limitati dalle convinzioni negative. E queste azioni “ben ispirate” sono un buon mattoncino per costruire il successo, in qualunque modo lo intendiamo. (C’è chi per successo intende una bella carriera, chi una sfera affettiva soddisfacente, chi del semplice relax, chi l’avverarsi di un particolare desiderio…ognuno ha il suo).

Rhonda Byrne, per i detrattori, è una scopritrice del’acqua calda, ma secondo me servono anche voci come la sua che ci ricordano quanto abbiamo di prezioso. Perché mi capita ormai abbastanza spesso che mi chiedano “Come faccio a superare questo brutto periodo? Come posso pensare positivo?” e talvolta me lo chiede gente in seria difficoltà. Io non sono certo una “guru”, ma   il consiglio migliore che mi sento di dare corrisponde a quello della Byrne ed è “Prova a concentrarti sulle cose più piccole e ad esserne grato. Fosse anche una sola, anche se ti appare infinitesimale, riparti da lì. La strada per risalire è rapida e luminosa.”.

 

Grazie, grazie, grazie. 🙂

 

Una risposta »

  1. Parole molto stimolanti. Grazie

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: