Feed RSS

Cromoterapia 1 – Il Rosso

Devo dire la verità: ci ho preso gusto con i post in serie. Spesso esaurire un argomento con un solo articolo è impossibile e resto con la sensazione di “non aver finito”. L’idea mi è venuta da alcuni elementi congiunti: la lezione di Qi Gong di ieri e alcune pagine di facebook che si propongono di pubblicare fotografie il più colorate possibile, perché – secondo molti – i colori mettono di buon umore e la cromoterapia è una scienza.

Ora, è bene sottolineare che la medicina NON RICONOSCE  la cromoterapia, cioè l’utilizzo di determinati colori per guarire da varie patologie. E forse è vero che sembra più una pratica “magggica”. Per questo ci credo, eh eh eh!

Scherzi a parte, sono convinta che, come il pensiero positivo, tutto questo non sia la cura, ma aiuti. Parecchio.

Nella mia esperienza, i colori vivaci hanno davvero il potere di cambiarmi l’umore.

Così da oggi vi propongo un “viaggio” attraverso i colori, il loro significato, gli usi che ne potreste fare. E se vi sembra una minchiata…beh, sappiate che invece la medicina cinese dà molto peso a questa cosa, tanto che ogni posizione delle respirazioni Qi Gong è collegata ad un particolare colore che a sua volta agisce su uno degli organi vitali. E io non penso che la medicina cinese sia una sciocchezza. Lo stesso vale per la medicina Ayurvedica, che abbina i colori ai chakra.

Se poi le guarigioni verificatesi attraverso cromoterapia sono tutte cazzabubbole, vediamola così: non fa nulla di male se non agire positivamente sulla psiche del malato, ma anche di chi malato non è. Quindi, in generale, è qualcosa di positivo.

Passiamo ora al primo colore che intendo presentare: IL ROSSO.

Il rosso è il primo colore dell’arcobaleno perché ha la frequenza d’onda più lunga e quindi, sorprendentemente, è il più freddo. Ai nostri occhi, però, il rosso è associato al fuoco, al sangue, al cuore e alla passione, quindi – in qualche modo – agli eccessi. Non a caso è il primo colore che i neonati imparano a distinguere .

 

Chakra

Nella medicina Ayurvedica, il Rosso corrisponde al chakra situato nella zona coccigea, il nome in sanscrito è Muladhara (radice) e la sua funzione è la sopravvivenza.

Rosso ed Effetti sul Corpo

Il Rosso è forse il colore che più di ogni altro stimola il sistema nervoso centrale. Infatti è simbolo di pericolo e grazie a questo suo aumentare l’attenzione è utilizzato, per esempio, nei cartelli stradali, oppure in natura tra animali che vogliono segnalare agli altri di essere aggressivi o velenosi. Fa aumentare i battiti cardiaci e la pressione arteriosa, stimola i muscoli, gli organi riproduttivi, la respirazione e l’attività ghiandolare. Di conseguenza è una sferzata di energia che ci rende più vivaci, vogliosi di comunicare, più sicuri di noi e più coraggiosi.

Vestirsi di Rosso

E’ indicato per chi ha bisogno di maggior decisione nella propria vita, per chi vuole manifestare sicurezza (o una certa dose di aggressività – a volte necessaria). Aumenta lo spirito di iniziativa e, di conseguenza, la capacità di porsi e raggiungere degli obiettivi. Essendo anche il colore della passione, il rosso simboleggia l’iniziativa sessuale e la felicità in amore.

Chi ama il Rosso

Gli amanti di questo colore sono di solito persone vivaci e piene di entusiasmo, talvolta aggressive, ma anche molto generose e piene di slancio passionale. Il lato “negativo” della medaglia può essere un eccesso di sicurezza in sé e la troppa decisione che vira in prepotenza, ma non è sempre così e, anzi, spesso avere ben chiari i propri obiettivi e la strada per raggiungerli è caratteristica rara e gradita. Il rosso è anche il colore della competizione, perciò chi ne è attratto può essere un ottimo sportivo.

Quando utilizzare il Rosso

In generale è bene utilizzare il Rosso nei momenti difficili, quando si ha bisogno di una energia che ci sostenga. Il Rosso, infatti,  rappresenta l’energia della terra e della base che ci mantiene, è utile quando siamo carenti di energie fisiche, nei casi di anemia e dolori reumatici, cattiva circolazione, nei periodi di convalescenza e, in generale, quando ci si sente giù di tono.

 

Quando evitare il Rosso

Meglio evitare l’utilizzo di questo colore in caso di ipertensione, stress, insonnia. Si dice anche che, essendo collegato alla circolazione sanguigna e alla riproduzione delle cellule, non sia indicato in caso di tumori. (NB: ripeto che un’affermazione del genere NON E’  supportata da alcuna base scientifica riconosciuta).

Nel Qi Gong

Durante le respirazioni di Qi Gong si usa immaginare una corrente di aria rossa che fa bene al cuore, porta via l’eccesso di euforia e viene associata all’elemento fuoco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: