Feed RSS

Quando il Diavolo ti accarezza, di Luca Tarenzi

Ormai la storia della ragazza umana che si innamora della creatura infernale bellissima, fighissima & cattivissima (per modo di dire) non è una novità. Diciamo, anzi, che dopo i vampiri Swarovsky della Meyer troviamo qualcosa del genere ogni giorno sugli scaffali delle librerie. Le creature ci sono tutte: vampiri, licantropi, fantasmi, demoni, sirene e tritoni. Ci manca solo la storia della fanciulla che si innamora dell’Uomo Merluzzo e poi credo che la collezione sia completa.

Tuttavia, se un racconto è scritto bene, anche quello che ormai è un cliché può essere accettabile e credo proprio sia il caso di “Quando il diavolo ti accarezza”, di Luca Tarenzi che, anche se ai miei occhi non è apparso come un fuoco d’artificio per originalità e stile, è un fantasy di buona qualità, curato e con alcuni elementi che per i fans dei telefilm americani (quale io sono, come FORSE avrete intuito) risultano familiari e per questo accattivanti.

C’è da sottolineare subito, infatti, che il Tarenzi è onesto: paga quasi immediatamente il suo tributo a serie famose come Supernatural e Doctor Who citandole direttamente ed evitando al lettore l’antipatico dubbio “Avrà voluto copiare o rendere omaggio?”. In realtà non c’è nulla di così smaccatamente ricalcato in questo libro, ma diciamo che le figure angeliche che si rivelano inflessibili fino alla crudeltà sono già state utilizzate in modo simile da Eric Kripke e quindi la domanda sarebbe sorta spontanea.

La trama vede come protagonista Eleonora – detta Lena – una bella ragazza di Milano che si mantiene agli studi lavorando in un bar. La sua vita non è affatto semplice: oltre alle ristrettezze economiche deve vedersela con un ex compagno violento e si sente in dovere di badare a Sofia, che per lei è come una sorella, ma che è vittima di un rapporto difficile con la madre che è in stato depressivo e che per questo si rivela una figura fragile e al limite dell’isteria. Sofia è tormentata da sogni terribili che sembrano ogni giorno più reali e durante uno di questi cade in stato di trance e scappa di casa. Nel seguirla per riportarla al sicuro, Lena si imbatte nell’incredibile scena di un Essere di Luce immenso e terribile che sta cercando di uccidere un ragazzo disarmato, nudo e coperto di sangue. Lena riesce incredibilmente a salvare la vita del giovane e – svenuto – lo porta a casa sua. Questi non è che Arioch, un vero demone degli inferi, evocato da qualcuno di misterioso con il preciso scopo di uccidere Sofia.

Proprio così: Sofia – con la sua incredibile bellezza e la sua fragilità – non è al sicuro. Qualcuno vuole distruggere la sua esistenza, perché in lei è racchiuso un mistero che potrebbe portare alla rovina sia la Terra che le sfere celesti e per questo Angeli e Demoni sono disposti a tutto pur di eliminarla. Lena, determinata a proteggerla, entra così in un mondo in cui le forze sono soverchianti e solo Arioch sembra poterla aiutare. Ma ci si può fidare di un demonio, anche se costui è bello come un angelo? E cosa succederebbe se il diavolo in questione si innamorasse?

Non rispondo a questi interrogativi, perché qualcuno di voi potrebbe desiderare di leggere il libro. Posso solo dirvi che in generale la storia è buona ed è ottima l’idea delle gerarchie naturali  che si fondano su un’energia chiamata Iliaster. La presenza o meno di Iliaster conferisce potere e, ovviamente, chi ne ha di più comanda sugli altri. Gli angeli, però, sono vincolati dall’obbedienza ai superiori, mentre l’ordine sarebbe sconvolto se esistessero creature dotate di Iliaster come gli angeli e libero arbitrio come gli uomini

Per i fans di Supernatural non c’è molto di nuovo, ma devo dire che il racconto è pregevole. Luca Tarenzi, secondo me, non ha uno stile incisivo come quello di un Francesco Dimitri, né il suo linguaggio immaginoso, però se la cava – e bene, direi – nel tirare le fila di una storia che è semplice solo in apparenza.

Si intuisce che dietro questo libro c’è dello studio: i luoghi e i personaggi non sono buttati a caso per far scena, ma hanno tutti una connotazione che richiama i testi biblici o che comunque contribuisce a creare un tassello in più nel puzzle che è la trama.

Unica pecca, secondo me: la caratterizzazione del personaggio di Sofia, attorno alla quale tutto ruota. Sofia è la classica “damigella in pericolo”, una Dea Atena senza cosmo – se avete mai seguito “I Cavalieri dello Zodiaco” avete già capito cosa intendo – ovvero una che si mette nei guai perchéssì. Non mi si fraintenda, il motivo per cui tutti vogliono ucciderla è chiarissimo, ma il fatto che lei sia sempre in stato semi-comatoso oppure piagnucolante è davvero insopportabile. Forse doveva apparire in contrasto con Lena, che nonostante la fragilità e i dubbi della sua condizione di essere umano in guerra col Paradiso, è un personaggio forte e vivace, ma la questione non mi ha convinta del tutto.

Arioch – demone Bello & Impossibile (ma non troppo impossibile, diciamolo pure!) – fa il suo sporco mestiere, ovvero far sbavare all’inverosimile la protagonista. Non è antipatico e non sbaluccica, il che per me significa che funziona. In generale, però, ho apprezzato di più le caratterizzazioni minori: la schiera degli angeli, il demone Azazel (che però ricorda un po’ il “Dagon” di Francesco Dimitri), Settala, Khaled il djinn…e penso che Tarenzi se la cavi molto meglio quando non vuole strafare.

In ogni caso, il libro è godibile per gli appassionati del genere e anche per coloro che vi si avvicinano per la prima volta. Dello stesso autore, ho acquistato “Il sentiero di Legno e Sangue”, edito da Asengard, che dovrebbe essere una rilettura di Pinocchio. Vi farò sapere.

»

  1. me lo presti? me lo presti? me lo presti?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: