Feed RSS

Sì, anche io mi sono convertita all’e-book reader

Sono una lettrice forte. In condizioni normali, leggo 1-2 libri a settimana. Sono anche un’amante del libro come oggetto, mi piace sfogliare le pagine, toccare la carta, annusare il profumo della stampa. Mi piace vedere i miei scaffali pieni.

Come vedete, insomma, sono il non-plus-ultra del Luogo Comune sui lettori, quelli che  – si dice – in Italia sono sempre più rari.

Quando sentivo parlare degli e-book per le prime volte ho storto il naso. “Non può esserci paragone”, pensavo “Dopo una giornata trascorsa al computer l’ultima cosa che vorrò sarà incollare gli occhi ad un altro schermo!”

Oppure “Ma vuoi mettere il profumo della carta…il rumore delle pagine che vengono sfogliate…il peso gentile sulle ginocchia…”

Ecco. BALLE.

Nel senso che – a causa del fatto che se comprassi ancora un paio di libri sarei costretta ad uscire io di casa – per il mio compleanno mia sorella mi ha regalato l’E-book Reader della Sony.

Il mio è quello rosso! 😀

Devo dire che è stato amore a prima vista: leggerissimo, non più grande di un tascabile, è quasi impossibile credere che all’interno possa contenere un’intera biblioteca. Il touch screen permette di voltare pagina con un semplice tocco, se premi l’angolo in alto dello schermo ti fa l’orecchia (eh eh eh, come da bambina!) e se sottolinei una parola che non conosci ti apre il vocabolario nel vero senso della parola. Non stanca gli occhi, perchè non è come uno schermo del computer, quindi si ha l’impressione di trovarsi davanti ad una pagina di carta come tante…insomma, via anche questo pregiudizio.

Meraviglioso, per me che ho fatto della lettura ( e della scrittura) la passione della mia vita.

Ma non è finita: volendo si può caricare anche della musica per ascoltarla con le cuffiette durante la lettura!

Inutile dire che un’altro fattore che ha aiutato la mia conversione è stato il prezzo sempre più alto dei libri cartacei: poiché la qualità dei testi è sempre più scadente, chiedere anche 18 euro per una boiata galattica mi sa di furto legalizzato e ritengo che spendere meno di 5 euro sia salutare sia per il mio portafoglio che per il mio sistema nervoso.

Non considero nemmeno quelle case editrici che fanno pagare un e-book quasi quanto un cartaceo: chi ha mai messo naso nel mondo dell’editoria sa benissimo che gran parte del costo di un libro è dovuto alla distribuzione. Con gli e-book questi costi particolari sono abbattuti e sono annullati quelli di stampa (eccezion fatta che per l’impaginazione, si intende). Chi pretende, perciò, di farci pagare un libro digitale ad un prezzo simile a quello cartaceo (non faccio nomi, anzi sì: Mondadori, che dopo avermi fatto acquistare a 18 Euro l’uno i primi volumi di Wunderkind, la Saga creata da G.L. D’Andrea pretendeva che acquistassi l’e-book del Terzo Libro a TREDICI EURO) o non sa lavorare o è abbastanza grande da potersi permettere di perdere lettori. Io non sono una che incoraggia la Pirateria, perché coltivando il sogno di scrivere capisco che così danneggerei i miei – ehm – futuri colleghi (eh eh eh), ma diciamo che la tentazione cresce ed è forte.

Però mi sono fatta una promessa: comprerò il cartaceo di tutti i libri che mi colpiranno abbastanza. Non sarà facile arrivare sui miei scaffali, perché, come ho già detto, leggo molto e non sono una a cui va bene tutto. Però un bravo scrittore, o una buona opera, vanno premiati. E io cercherò di agire di conseguenza.

»

  1. Uhm. Io tutti i luoghi comuni del lettore forte non li ho mai vissuti, anche perché già da tempo mi facevo scaricare libri da leggere in formato PDF, causa costi elevati e precarietà continua. Quando ha cominciato a sedimentarsi l’ebook a trattenermi era più che altro il suo costo. All’inizio si parlava di 200 euro. Anche oltre. E chi li poteva spendere tutti insieme, solo per un lettore?
    Poi i costi si sono abbassati, la resistenza nei confronti di un supporto telematico per leggere un libro è stata vinta provando il supporto stesso (me lo mostrò un amico, spiegandomene il funzionamento. Era fantastico. Niente a che vedere con lo schermo del computer), e l’ho chiesto per il mio compleanno.
    Il mio non è un touch, ne ho abbastanza del touch, il mio smartphone è un touch e mi manda ai matti.
    È un kindle. Però va perfettamente, e soprattutto la mia borsa si è alleggerita di molto, mentre vado al lavoro.
    Però, dicevo anche altrove, sono a favore dei libri disponibili gratis. Trovo dei benefattori del’umanità quelli che li mettono a disposizione, e quelli che piratano. Se poi un libro mi piace molto me ne posso comprare la copia cartacea. Non è un problema. Fanno eccezione i libri di piccoli editori. Quelli li compro rigorosamente originali. A meno che l’autore non me li mandi di sua iniziativa, chiaro.

    Rispondi
  2. Salve novella conversa 😀
    Condivido tutto quello che hai detto e sto applicando la tua stessa politica da quando ho anch’io l’e-reader!

    Rispondi
  3. ecco, non vorrei qua dire “te l’avevo detto” che suona male…ma…” te l’avevo detto che ti sarebbe piaciuto da matti!”!

    Rispondi
  4. NO, mi dispiace.. cosa inutile. e quando lo vedo in giro penso a che spreco di soldi sia e che il libro è libro. dategli fuoco 🙂

    Rispondi
    • Vuol dire che non ne hai mai avuto uno. Ho scritto questo articolo proprio per dire che anche io la pensavo come te ma ho dovuto ricredermi. Il libro – oggetto ha un suo fascino, ma l’e-reader è utilissimo per un sacco di buoni motivi, tra cui quelli elencati sopra.

      Rispondi
  5. sto pensando di farci un pensierino per il mio compleanno…. non sono più una lettrice accanita come una volta.. ma quei 2 libri al mese più o meno ci sono.. quindi… i regali dei compleanni infondo sono fatti per gli sfizi!!! (brother’s docet :P)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: